leonardo calligrafia grafologia

La scrittura di Leonardo da Vinci

Una scrittura originale: scopriamo come scriveva Leonardo da Vinci

In molti arrivano tra le pagine di questo sito cercando informazioni sulla scrittura di Leonardo. Effettivamente il famoso inventore e artista italiano è
rinomato anche per la sua calligrafia, che appare al tempo stesso bizzarra e misteriosa.

Come è noto, infatti, Leonardo da Vinci era solito scirvere in maniera speculare. Ciò significa, semplificando, che Leonardo scriveva da destra e sinistra, ma anche capovolgendo le lettere: si parla per questo motivo anche di scrittura A SPECCHIO (in questa pagina approfondiamo la scrittura speculare da un punto di vista grafologico).

Leonardo, genio e sregolatezza anche nella scrittura

Come appare la scrittura di Leonardo da Vinci, nelle numerose testimonianze scritte che ci ha lasciato? Innanzitutto bisogna premettere che il lascito di codici che l’artista ci ha lasciato è veramente vastissimo. Come spiega wikipedia, oggi esistono 16.000 pagine manoscritte da Leonardo, ma alcuni studiosi pensano che il numero corretto di pagine scritte lungo tutta la vita sia addirittura di 100.000.

Gran parte di questi manoscritti sono redatti con una tecnica particolare detta “scrittura speculare” che li rendeva leggibili solo applicando uno specchio perpendicolare lungo il bordo destro del foglio. Solo in questo modo, la calligrafia, scritta capovolta da destra a sinistra, tornava leggibile a chiunque.

la scrittura di leonardo da vinci
Un esempio della scrittura speculare di Leonardo da Vinci: come si nota la sua calligrafica procedeva da destra a sinistra, con un ribaltamento speculare

Per molto tempo si è pensato che questo modo di scrivere fosse dettato dalla voglia di nascondere da occhi indiscreti il contenuto dei propri scritti. In realtà gli utlimi studi, condotti su tutta la produzione di Leonardo, evidenziano come egli fosse in realtà ambidestro. La scrittura speculare nello specifico potrebbe inoltre essere connessa al mancinismo di Leonardo.

La storica dell’arte Cecilia Frosinini,afferma che “Leonardo nasce mancino, ma viene rieducato all’uso della mano destra fin da ragazzino. Dall’osservazione dei suoi scritti, incluso quello sul disegno, si capisce che la sua calligrafia da destro è colta, ben fatta; Leonardo sa adoperare bene questa mano. Quanto alla scrittura specchiata, con verso da destra a sinistra, è probabile che Leonardo stesso, da adulto, abbia scelto volontariamente di adottare questo stile originale, che è infatti, nei primi esempi, molto elaborato, direi anche artificioso; poi, con il passare del tempo e la continuità di uso, si fa più semplificato e corsivo. La nostra ipotesi è che l’idea gli sia nata osservando le scritte a rovescio sui lucidi da lui usati per i disegni, dopo averli capovolti”.

Cosa ci dice la grafologia?

Abbiamo finora visto da un punto di vista “tecnico” come Leonardo realizzava i suoi scritti. Ma cosa ci può dire la grafologia di questo grande personaggio? Emerge anche nell’analisi grafologica la sua genialità e profondità intellettiva? Effettivamente in grafologia si guarda sempre con molta ammirazione alle produzioni calligrafiche di Leonardo Da Vinci, da cui emerge una scrittura elegante e ben distribuita nello spazio. Al tempo stesso, la presenza di ritmo, disuguaglianze e un buon movimento ci parlano di un tratto grafico che favorisce la creatività e il gusto per l’innovazione. Queste caratteristiche non rappresentano certo un’analisi grafologica completa, che richiederebbe ben altri spazi, quello che si può affermare comunque è che il personaggio storico di Leonardo corrisponde a quello che emerge dall’analisi della sua grafia.

Riportiamo anche i riferimenti di alcuni dei contributi di interesse scientifico e grafologico sulla scrittura di Leonardo Da Vinci:

  • Schott, G.D.. (1979). Some neurological observations on Leonardo da Vinci’s handwriting. Journal of the neurological sciences.
  • Pagliughi (1984). La scrittura mancina di Leonardo – Electa Milano
  • Cristofanelli (2011). Una sottoscrizione di Leonardo da Vinci. Rivista Scrittura (IGM)

 

Lascia una risposta