Categorie
Grafologia

Grafologia Generale

Introduzione alla grafologia: definizione e utilizzi

La Grafologia è la disciplina che ha come oggetto lo studio della scrittura e sulla base di essa deduce la personalità dell’autore. Esatto: Dimmi come scrivi e ti dirò chi sei.

Un grafologo, analizzando il modo in cui una persona scrive, può dedurne la creatività, la socievolezza, la sensibilità, lo spirito critico… e molto altro!

La Grafologia è una scienza dell’uomo che indaga le caratteristiche psichiche di uno scrivente a partire da un campione (meglio se più d’uno) della sua scrittura. Deve il suo nome all’abate francese Michon che sul finire del 1800 coniò il nome graphologie. Da allora si sono succeduti molti studiosi e molti metodi grafologici

Ogni metodo mira a sistematizzare lo studio della scrittura e delle caratteristiche psicologiche degli scriventi, in modo da fornire agli studenti un sistema coerente. In Italia sono presenti diverse “Scuole” (così si chiamano i diversi metodi che vengono insegnati) ognuno con concezioni particolari su come si svolge un’analisi o sul significato da attribuire ai diversi segni.

grafologia personalità
Una illustrazione che descrive le varie parti di cui si compone una scrittura

Definizioni di Grafologia

La pagina di wikipedia definisce la Grafologia come una tecnica che presume di dedurre alcune caratteristiche psicologiche di un individuo attraverso l’analisi della sua grafia. Wikipedia precisa inoltre in modo chiaro che la Grafologia va distinta dalla perizia grafologica per l’analisi e comparazione di scritture, che è l’oggetto della Grafologia Forense.

E’ possibile trovare molte definizioni di Grafologia. Il Grafologo italiano Girolamo Moretti, ad esempio, ne parla come di una scienza sperimentale che dal solo gesto grafico d’uno scritto umano rileva le tendenze sortite da natura. Il francese Crepieux-Jamin definisce la Grafologia come lo studio del carattere per mezzo della scrittura. Altri autori forniscono altre definizioni, a volte anche più poetiche ma comunque di grande interesse. E’ il caso di quanto afferma Max Pulver, in una frase che spesso viene citata per la sua efficacia:

L’uomo che scrive disegna inconsapevolmente la sua natura interiore. La scrittura cosciente è un disegno inconscio, disegno di sé, autoritratto.

Come potete vedere le definizioni sono molteplici, ma l’assunto di fondo è che ci sia un legame molto profondo tra scrittura e personalità. Le diverse scuole propongono un metodo per analizzare la scrittura e ricavarne i significati.

Abbiamo visto che la scientificità della Grafologia è ancora oggi dibattuta e pertanto su questo sito più che concentrarci sulla promozione di una Scuola o di un Metodo, preferiamo fornirvi tutti gli elementi perchè possiate elaborare una vostra idea personale.

In generale tutte le scuole grafologiche concordano sul fatto che scrivere è una complessa attività simbolica che coinvolge la persona in tutta la sua interezza. Nel tracciato grafico ritroveremo impressa l’impronta personale dello scrivente, chiamata talora con nomi diversi: energia, ritmo, movimento.

Settori della Grafologia

In generale tutte le Scuole grafologiche suddividono la Grafologia in diversi settori. Queste sono aree applicative della Grafologia a questioni specifiche, come ad esempio il settore scolastico o professionale.

grafologia ambiti di studio

Una delle suddivisioni più diffuse degli ambiti di studio grafologici è la seguente:

  • Grafologia Generale: LA SEZIONE IN CUI TI TROVI ORA! Si intende con questa il “generico” esame di personalità, per conoscere le caratteristiche di personalità dello scrivente. Non c’è una applicazione a contesti o finalità specifici, come nei casi seguenti.
  • Grafologia Familiare: applica il sapere grafologico alle relazioni familiari, quindi in primis il rapporto tra partner e il rapporto genitori/figli. Fornisce indicazioni in merito alle modalità relazionali interne e può dare una chiave di lettura per la comprensione e la risoluzione dei conflitti. Può fornire anche informazioni utili alla “compatibilità” tra i componenti della coppia.
  • Grafologia Professionale: applica il sapere grafologico al mondo del lavoro, fornendo indicazioni utili in merito alla selezione del personale o allo sviluppo del talento personale sul luogo di lavoro. Si occupa anche di orientamento scolastico dei più giovani, utile ad esempio nei momenti di scelta del percorso di studi.
  • Grafologia dell’età Evolutiva: applica il sapere grafologico alo studio dell’evoluzione della gestualità nei più piccoli. La grafologia dell’età evolutiva fa partire il suo studio della motricità grafica in età prescolare con il disegno e accompagna il bambino fino alla completa acquisizione della scrittura.
  • Grafologia per la Rieducazione della scrittura: rispetto alla Grafologia dell’età Evolutiva, non prevede elementi legati alla personalità, ma tratta e migliora la gestualità grafica finalizzata ad ottenere una calligrafica armonica e in linea con le potenzialità del soggetto. LEGGI ANCHE: Cos’è la Disgrafia?
  • Grafologia Forense: non prevede elementi legati alla personalità, ma fornisce indicazioni in merito alle caratteristiche della scrittura al fine di identificarne l’autore.

Come puoi vedere l’elemento legato alle caratteristiche psichiche e personali del soggetto non rientra in tutti gli ambiti di studio. La Rieducazione della scrittura e la Grafologia Forense infatti non affrontano queste tematiche che vengono direttamente escluse dall’oggetto dell’esame.

I principi della Grafologia

Secondo quanto affermato, ovvero che non c’è UNA Grafologia, ma diverse scuole con diverse impostazioni, non è possibile enunciare principi grafologici universali. Si rischia infatti di fare riferimento ad un solo autore o ad una sola teoria, cosa che non è nelle finalità di questo sito. TuttoGrafologia.com infatti è un portale che raccoglie un gran numero di informazioni sul vasto e complesso mondo della Grafologia, senza promuovere una specifica scuola. Sarà il lettore, che sulla base del proprio background e dei propri interessi, approfondirà le teorie che gli sembrano più meritevoli, anche grazie al nostro sito.

Per questo motivo enunciamo di seguito alcuni principi Grafologici interessanti, secondo la concezione comune e senza pretesa di coerenza tra metodi, ma solo a scopo illustrativo:

  1. Non esistono due persone che scrivono allo stesso modo (principio condiviso con la Grafologia Forense)
  2. Nessuna persona scrive nello stesso modo due volte di seguito (principio condiviso con la Grafologia Forense)
  3. Il moto scrivente è azionato da due principi opposti operanti nell’uomo: lo spirito e la vita (Klages)